CIO Corner

Chiamaci: +39 345 255 9509

Da quanto tempo sei in Aused e cosa significa per te l’associazione?

Sono in Aused dal 2004, anno in cui sono entrato in Chiesi. L’associazione rappresenta un’ottima opportunità di fare Umberto Stefani 2016networking e un’incredibile piattaforma di benchmark. È un ottimo supporto nel nostro lavoro quotidiano.

Nel tuo ruolo di IT Executive quali sono i benefici che tu o il tuo team ha potuto trarre dall’associazione?

Sfruttando il network, siamo entrati in contatto con numerosi colleghi di aziende Farma e non. Questo ci ha consentito di avere momenti di condivisione sia all’interno dell’associazione sia all’esterno. Confrontarsi con altre realtà è sempre una buona pratica. Si può risparmiare tempo e risorse facendo leva su esperienze che altri hanno già fatto, invece di partire ogni volta da zero.

Quali sfide ti coinvolgono nel 2017 e come la tua azienda le sta affrontando?

Come tante altre aziende la sfida più grande è quella della Trasformazione Digitale, capire cioè come le nuove tecnologie possono supportare la crescita e quanto possono contribuire a trasformare e a fare evolvere i nostri prodotti. A tal scopo, la prima cosa che abbiamo fatto è stata la creazione di un Digital Innovation Steering Committee, composto da: Ricerca e Sviluppo, Marketing, ICT e Legal. Questo comitato ha il compito di definire la visione e la strategia digitale di Chiesi, nonché la definizione di un roadmap per i prossimi 5 anni. Abbiamo individuato quattro filoni principali: la Ricerca e Sviluppo con l’obiettivo di ripensare il nostro prodotto inserendo il concetto di servizio per il paziente e per il medico; le Vendite e il Marketing con l’introduzione del concetto di Multicanalità con l’obiettivo di arricchire i canali di contatto con il medico e di meglio comprenderne i comportamenti e gli interessi; i Processi Interni con l’obiettivo di incrementarne la digitalizzazione e puntare a diventare una “paperless company”; infine la dimensione del Dipendente con la sua postazione di lavoro, che deve abilitare la possibilità di lavorare ovunque si trovi, qualunque sia lo strumento e la connettività a disposizione. L’altra grande sfida riguarda la capacità di supportare il Gruppo Chiesi nel suo percorso di crescita e di internazionalizzazione. Questo lo facciamo contribuendo al perseguimento di tre  principi guida: l’integrazione, la standardizzazione e la semplificazione. Tradotto nell’ambito di nostra responsabilità significa: la centralizzazione di piattaforme applicative (ERP, Documentale, LIMS, Gestione della Qualità, …) sulla base di template creati su processi standardizzati o quantomeno armonizzati, la definizione di standard e policy per le componenti dell’infrastruttura tecnologica, lavorare ad un approccio comune ai temi della sicurezza. Una nota a parte la dedicherei al tema della gestione dell’informazione e a tutto quello che va sotto il cappello della Business Intelligence. L’architettura del dato e gli strumenti di analisi e di presentazione costituiscono un ambito di grande importanza e interesse. Per affrontarlo in modo strutturato abbiamo creato un Center of Excellence composto da risorse ICT e Business provenienti da tutte le geografie/aree aziendali, cercando di fare leva su tutte le competenze che abbiamo in azienda. Lo scopo è di dare un’architettura all’informazione, standardizzando le fonti, le analisi, i report, gli indicatori e le piattaforme applicative. Questi sfidanti obiettivi possono essere raggiunti solamente se affrontati in stretta collaborazione con il business da una parte e con un team coeso e competente dalla parte ICT. Quindi la Vision che dobbiamo perseguire è quella di creare una forte partnership con il business, basata su una solida fiducia reciproca, sulla capacità di comprenderne i bisogni e la proattività nel proporre soluzioni innovative.

Quanto fare IT in ambito farmaceutico si differenzia da altri ambiti meno complessi e regolati?

La prima risposta, un po’ provocatoria, che mi verrebbe da dare è: nessuna differenza significativa. Dico questo perché le logiche e i principi che ci guidano nella progettazione, nell’implementazione e nell’erogazione dei servizi sono le stesse, le tecnologie che utilizziamo sono le stesse, l’approccio metodologico è lo stesso.
La differenza, almeno da un certo punto di vista, è il tema della Computer System Validation. È vero che è un tema prettamente Farmaceutico, ma sostanzialmente non è altro che un insieme di attività e documentazione da produrre per garantire un elevato livello qualitativo. Sono cose che andrebbero fatte per ogni ambito progettuale. Formalizzare i requisiti utente, dire come implemento questi requisiti, definire i test ed i relativi protocolli da eseguire, eseguire i test e tracciarne i risultati, …, sono tutte attività che vanno fatte se vogliamo lavorare in  qualità. La vera differenza sta nell’intensità relativa alla formalizzazione documentale e nell’impatto che questa ha sui costi di progetto, non trascurabile.
Un’altra differenza che vale la pena evidenziare, che non riguarda tanto il come fare IT nel farmaceutico, è il cosa possiamo fare e che gradi di libertà abbiamo. Il fatto di vivere in un ambiente fortemente regolamentato e soggetto a compliance costituisce a volte un vincolo riguardo quello che si può fare, soprattutto quando si apre l’azienda all’esterno verso i pazienti e i medici.
Quello che le nuove tecnologie (IOT, Analytics, Big Data, …) oggi consentono, spesso si scontra con le norme che riguardano il mondo farmaceutico, in particolare quello “etico”, dove noi operiamo. Quando si coinvolge il paziente, molte cose non si possono fare o dire, e questo costituisce spesso un freno all’innovazione. Ma devo dire anche che il contesto sta cambiando e conseguentemente anche le norme che lo regolano.

Cosa chiederesti alla associazione che oggi non riesce ancora ad offrire?

Anche Ricevo ogni giorno una quantità di inviti ad eventi organizzati da: Università, Associazioni, Unioni Industriali, Riviste di settore, …; spesso gli argomenti trattati sono ripetitivi e non sempre la qualità è buona. E’ spesso difficile scegliere!
Quello che mi sentirei di suggerire ad AUSED è di cercare di integrarsi maggiormente con queste organizzazioni con l’obiettivo di unire le forze e le risorse disponibili e organizzare eventi che abbiano un respiro più ampio, un livello di contenuti più completo, una partecipazione più ampia. 

(Intervista a cura di Andrea Provini)

PROFILO: 

Umberto Stefani 2016Umberto Stefani nato a Parma, coniugato con due figli. Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita nel 1986 presso l’Università degli Studi di Bologna. Inizia il proprio percorso professionale presso l’Università degli Studi di Parma con una Borsa di studio IBM nell’ambito dell’Office Automation e dell’Electronic Publishing. Nel 1988 entra nell’organizzazione ICT di Barilla SpA con il ruolo di progettista in ambito Office Automation. Nel 1996 si trasferisce negli Stati Uniti dove ricopre il ruolo di ICT Director di Barilla America. Successivamente, rientrato a far parte dell’organizzazione italiana, assume la responsabilità del coordinamento delle attività ICT delle filiali internazionali. Durante questi anni assume anche la responsabilità di un team di sviluppo di Web Application. Nel 2004 entra in Chiesi Farmaceutici SpA con il ruolo di CIO. Nel 2015, a seguito di una riorganizzazione interna, assume il ruolo di Group CIO con responsabilità diretta di persone e budget per il Gruppo Chiesi.In questi anni trascorsi in Chiesi si è occupato di numerosi progetti, in ambito applicativo e tecnologico, che hanno supportato Chiesi nella trasformazione da un’azienda italiana con presenza internazionale in un’azienda multinazionale di successo.

Agenda AUSED

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Scopri i GdL e Osservatori AUSED

Segnalato da AUSED

Gruppo AUSED FARMA online

AUSED ti invita a frequentare il Gruppo FARMA di AUSED su Linkedin. Per partecipare è richiesta l'iscrizione, in quando si tratta di un Gruppo Chiuso riservato a chi opera in ambito informatico nel settore Farmaceutico.
Vieni a trovarci!

Gruppo AUSED GUPS online

AUSED ti invita a frequentare il Gruppo GUPS di AUSED su Linkedin. Per partecipare è richiesta l'iscrizione, in quando si tratta di un Gruppo Chiuso riservato a utilizziatori e prospect delle soluzioni SAP.
Vieni a trovarci!

Appuntamento Online!

AUSED ti invita a frequentare il Gruppo generale AUSED su Linkedin: siamo già oltre 300!

Vieni a trovarci!

Telefono Amico AUSED

 

Partner AUSED

S5 Box

CB Login

Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.