Statuto AUSED

Chiamaci: +39 345 255 9509

1) E’ costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del  Codice Civile una Associazione non riconosciuta denominata  A.U.S.E.D. - Associazione Utilizzatori Sistemi E tecnologie Dell'informazione

2) L’associazione ha sede in Milano. Spetta al Consiglio Direttivo stabilire l’indirizzo della sede; esso può altresì trasferire la sede nell’ambito del Comune.

3) L’associazione, escludendo nell’esplicazione della propria attività ogni fine di lucro, ha lo scopo di:

-         Promuovere e realizzare tra gli associati lo scambio di esperienze relative alle tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni.

-         Organizzare incontri, seminari, gruppi di studio, indagini e altre analoghe iniziative, con l’obiettivo di fornire indicazioni per la risoluzione di problemi di scelta, sviluppo e gestione dei Sistemi Informativi.

-         Promuovere studi delle prestazioni aziendali con raffronto di parametri qualitativi, indirizzando la ricerca verso obiettivi di eccellenza.  

-         Favorire rapporti di mutua collaborazione fra gli Associati.  

-      Dibattere problemi comuni e verificare anche la convenienza di realizzare progetti di comune interesse.

 

4) L’A.U.S.E.D. è una associazione di aziende, enti e persone fisiche che studiano, sperimentano e utilizzano le tecnologie dell’informazione e telecomunicazioni.

Sono esclusi dall’Associazione quei soggetti il cui scopo sociale sia in contrasto con quanto precisato al precedente punto 3.

Gli associati stessi saranno chiamati a partecipare direttamente e con modalità diverse, alle attività di studio, ricerche, valutazioni, ecc.

Gli associati potranno disporre liberamente di tutta la documentazione raccolta e dei risultati ottenuti a meno che non vengano prese decisioni diverse dai Gruppi di Lavoro allo scopo costituitisi, fermo restando il principio che gli studi rimarranno di proprietà esclusiva  dell'Associazione la quale potrà decidere eventuali forme di divulgazione sia all'interno dell'associazione stessa, che presso i terzi.

 

5) L’ammissione a socio, richiesta dalle aziendee dalle persone fisiche,è approvata dal Consiglio Direttivo dell’Associazione a maggioranza qualificata del 75% dei presenti nella prima riunione. La decisione è inappellabile.

L’azienda, all’atto dell’iscrizione, dovrà comunicare il nominativo e la funzione del suo delegato a rappresentarla nella Associazione.

6) Con l’ingresso nell’Associazione il socio si obbliga ad appartenere alla Associazione dal momento della ammissione sino alla scadenza dell’anno sociale. E’ esclusa la temporaneità dell’associazione e la sua trasferibilità.

Qualora intenda recedere dopo il decorso di tale termine, il socio dovrà darne comunicazione mediante lettera raccomandata da inviarsi al consiglio dell’Associazione almeno un mese prima della scadenza del termine stesso. In difetto di ciò, la sua adesione alla Associazione si intenderà rinnovata di anno in anno.

 

7) I Soci possono essere : Sostenitori, Ordinari, Individuali e Onorari.

Sono Soci Sostenitori le aziende fornitrici di prodotti e servizi ICT, cioè quelle aziende che progettano, sviluppano e fanno manutenzione di hardware e/o software, o forniscono servizi di consulenza e/o quelle organizzazioni e enti che intendono supportare l’attività dell’Associazione.

Sono Soci Ordinari le Aziende Utenti e gli Enti.

Sono Soci Individuali le persone fisiche che non svolgono attività in contrasto con i fini dell’A.U.S.E.D. (art. 3 dello Statuto).I Soci Individuali devono essere presentati da due Soci Ordinari.

I soci Sostenitori e i Soci Individuali nella loro totalità non possono superare un terzo degli Associati totali, esclusi i Soci Onorari.

Sono Soci Onorari le persone che, con la loro attività, hanno contribuito in modo significativo alla vita dell’Associazione; la loro nomina è deliberata dall’Assemblea dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo. I Soci Onorari non pagano la quota associativa.

Il socio Onorario decade quando, in occasione del rinnovo annuale delle adesioni, non risponda affermativamente alla lettera di riconferma inviatagli dall’Associazione.

 

8) Il Consiglio Direttivo dell’Associazione può procedere all’esclusione di un  Socio nei seguenti casi:

a) per inosservanza degli obblighi statutari o quando egli agisca contro gli interessi dell’Associazione;

b) per morosità nel versamento della quota associativa;

c) per altri gravi motivi al giudizio unanime del consiglio direttivo.

d) verranno altresì esclusi  dall’Associazione quei soggetti che, evidenziando in modo esplicito l’appartenenza all’Associazione, effettueranno attività di promozione commerciale nei confronti di altri Associati.

Contro la delibera di esclusione, l’interessato può inoltrare reclamo al Collegio dei Probiviri tramite il Consiglio dell’Associazione, entro trenta giorni dalla data di ricevimento della relativa comunicazione.

Il ricorso sospende il provvedimento di esclusione.

Il Collegio dei Probiviri dovrà emettere la sua decisione entro il termine di sessanta giorni dall’inoltro del ricorso.

Tale decisione è inappellabile.

Il socio rinuncia in proposito ad adire l’Autorità Giudiziaria.

9) Il socio escluso o receduto decade da tutti i diritti con effetto immediato.

10) Il socio escluso, receduto o che per qualsiasi motivo cessi di appartenere all’Associazione non potrà a nessun titolo ripetere i versamenti eseguiti né vantare diritto alcuno sul patrimonio dell’Associazione stessa.

11) I soci dovranno concorrere alle spese dell’Associazione mediante il versamento, entro il primo trimestre solare, di una quota annua associativa fissata dal Consiglio Direttivo.

 

ORGANI DELLA ASSOCIAZIONE

12) Gli organi dell’Associazione sono:

- l’Assemblea Generale dei Soci;

- il Consiglio Direttivo;

- il Presidente;

- il Tesoriere e Segretario Generale;

- il Collegio dei Probiviri

 

L’ASSEMBLEA

 13) L’Assemblea è costituita da tutti i soci i quali hanno diritto di intervenire alla assemblea purché in regola con i pagamenti della quota associativa. Ogni socio dispone di un voto e per esprimerlo deve partecipare direttamente alla assemblea.

14) Spetta all’assemblea:

a)      determinare le direttive di massima dell’attività associativa;

b)      esaminare proposte di modifica del presente statuto;

c)      nominare i componenti del Consiglio Direttivo, il Tesoriere Segretario Generale, il Collegio dei Probiviri;

d)     esaminare per l’approvazione o meno i bilanci preventivi e consuntivi annuali dell’Associazione.

15) L’assemblea si riunisce in Italia anche in luogo diverso da quello della sede dell’Associazione almeno una volta all’anno e ogni qualvolta sia ritenuto opportuno dal Consiglio Direttivo dell’Associazione oppure ne sia stata presentata richiesta motivata e sottoscritta da almeno un quinto degli Associati.

Il Consiglio Direttivo, qualora lo ritenga opportuno, potrà stabilire le modalità di partecipazione  alle assemblee e di votazione a distanza.(via telematica, via postale ecc.)

L’Assemblea è convocata dal Presidente mediante lettera trasmessa via telefax oppure e-mail, ove comunicati, ovvero tramite raccomandata spedita almeno quindici giorni prima della data della riunione e recante l’indicazione dell’Ordine del Giorno, nonché la data, l’ora e il luogo della prima e della eventuale seconda convocazione.

In caso di urgenza la convocazione potrà avvenire mediante telefax oppure email spedito almeno cinque giorni prima della data fissata per la riunione.

 

16) L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione ed in assenza di questi da chi ne fa le veci ed in mancanza da altro Consigliere designato dall’assemblea medesima.

Essa è validamente costituita in prima convocazione quando sia presente la maggioranza dei soci.

In seconda convocazione l’assemblea sarà valida qualunque sia il numero dei presenti.

L’assemblea delibera di regola a maggioranza di voti dei soci presenti.

In caso di modifiche dello statuto questo dovrà essere specificato nell’ O.D.G., inviata copia del nuovo statuto o delle modifiche proposte dagli Associati; occorrerà in ogni caso il voto favorevole dell’80% dei soci presenti.

 

CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ASSOCIAZIONE

17) Il Consiglio Direttivo è composto da un numero minimo di cinque membri (e da un massimo di quindici ) eletti dalla assemblea tra i rappresentanti degli associati. Il numero dei Consiglieri, su proposta del Consiglio, è approvato dalla assemblea a maggioranza dei presenti.

I Soci Sostenitori e i Soci Individuali, nella loro totalità, non possono superare un terzo dei componenti il Consiglio Direttivo eletto.

I componenti del Consiglio durano in carica due esercizi e sono rieleggibili.

Se nel corso dei due esercizi vengono a mancare uno o più Consiglieri, gli altri provvedono a sostituirli, con apposita deliberazione, nominando i nuovi Consiglieri tra i soci.

I Consiglieri così nominati restano in carica fino alla prossima assemblea che delibererà sulla conferma o meno degli stessi.

Se viene meno la maggioranza dei Consiglieri eletti, quelli rimasti in carica devono convocare l’assemblea perché provveda alla sostituzione dei mancanti.

I Consiglieri nominati dall’assemblea decadono dalla carica insieme con quelli in carica all’atto della loro nomina.

Se vengono a cessare tutti i Consiglieri, l'Assemblea per la nomina del nuovo Consiglio dovrà essere convocata di urgenza dal Tesoriere Segretario Generale.

Il Consiglio Direttivo deve riunirsi almeno quattro volte l’anno e può essere convocato dal Presidente ogni qualvolta lo stesso lo ritenga necessario oppure ne faccia richiesta scritta e motivata qualsiasi Consigliere. In casi di “vacanza” del Presidente il Consiglio può  essere convocato dal Tesoriere Segretario Generale o, in caso di sua indisponibilità , dal Consigliere più anziano come età anagrafica.

La convocazione è fatta mediante lettera raccomandata o telefax o e-mail spedita almeno quindici giorni prima o, in caso di urgenza, mediante telefax o email spedito almeno tre giorni prima della data fissata per l’adunanza.

La riunione può svolgersi con interventi dislocati in più luoghi audio/video collegati a condizione che siano rispettati il metodo collegiale e i principi di buona fede e di parità di trattamento ed in particolare a condizione che:

a) sia consentito al presidente di accertare l'identità e la legittimazione degli intervenuti, regolare lo svolgimento della adunanza, constatare e proclamare i risultati della votazione;

b) sia consentito al soggetto verbalizzante di percepire adeguatamente gli eventi oggetto di verbalizzazione;

c) sia consentito agli intervenuti di partecipare alla discussione ed alla votazione simultanea sugli argomenti all'ordine del giorno; la riunione si ritiene svolta nel luogo fisico ove saranno presenti il presidente ed il soggetto verbalizzante.

Le adunanze del Consiglio Direttivo sono valide se interviene la maggioranza dei suoi membri.

Per la validità delle deliberazioni è richiesto il voto favorevole della maggioranza dei Consiglieri intervenuti, in caso di parità, prevarrà il voto del Presidente o, in sua assenza, del Consigliere più anziano come età anagrafica.

E’ facoltà del Consiglio far decadere dalla carica il Consigliere che non sia intervenuto a tre riunioni di Consiglio consecutive, senza dare la giustificazione dell’assenza.

18) Compete in particolare al Consiglio Direttivo:

a)      deliberare su tutte le questioni di carattere generale che riguardano l’Associazione;

b)      determinare e realizzare l’azione dell’Associazione;

c)      predisporre programmi di argomenti comuni che saranno oggetto di studi e ricerche;

d)     redigere eventuali regolamenti normativi da sottoporsi all’approvazione dell’assemblea;

e)      approvare l’ammissione dei nuovi associati;

f)       pronunciarsi sull’esclusione dei soci;

g)      determinare la misura della quota annuale di associazione per tipologia di Associato.

h)      decidere, su proposta del Presidente, circa la struttura organizzativa/operativa dell’Associazione, stabilendo tipo di rapporto, durata, compensi ed aumenti;

i)        decidere sull’accettazione di contributi all’Associazione e sulla opportunità di svolgere studi e ricerche, sempre che tali attività rientrino nella sfera di interesse e nel quadro dei programmi dell’Associazione;

j)        decidere sulla predisposizione del bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’Assemblea. 

19) Ai componenti del Consiglio Direttivo non spetta alcun compenso. Eventuali spese fatte per ragioni di ufficio, saranno rimborsate dall’Associazione.

PRESIDENTE

20) Il Consiglio Direttivo elegge nel proprio seno il Presidente dell’Associazione il quale dura in carica due esercizi.

I Soci Individuali, così come i Soci Sostenitori possono essere eletti alla carica di Presidente dell'Associazione solo per acclamazione da parte di tutti i Consiglieri (voto unanime).

Il Presidente ha, a tutti gli effetti, la rappresentanza dell’Associazione di fronte ai terzi e in giudizio.

I Soci Onorari non possono essere eletti nella carica di Presidente.

TESORIERE E SEGRETARIO GENERALE

21) Il Tesoriere è nominato dall’Assemblea. Può essere scelto anche  tra persone estranee all’Associazione avuto riguardo alla sua competenza.

Egli sovraintende alla gestione finanziaria dell’Associazione.

Sulla base delle decisioni assunte dal Consiglio Direttivo e delle disponibilità finanziarie predispone la stesura del bilancio preventivo e consuntivo, da sottoporsi all’Assemblea entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

Non fa parte del Consiglio anche se partecipa alle sue riunioni.

Egli ricomprende nella sua carica anche la funzione di Segretario Generale che ha il compito di svolgere tutti gli adempimenti formali richiesti dalla Legge relativamente alla gestione della attività della Associazione a lui espressamente delegate dal Consiglio o dal Presidente ai quali rende conto del proprio operato.

E’ responsabile del trattamento dei dati personali ai sensi del Decreto legislativo 196 del giugno 2003

Al Tesoriere-Segretario Generale viene effettuato il rimborso delle spese sostenute per l’espletamento delle sue attività.

COLLEGIO DEI PROBIVIRI

22) Il Consiglio dei Probiviri è composto da tre membri nominati dall’assemblea generale anche fra i propri soci per due esercizi.

La nomina è a maggioranza dei presenti.

Esso ha funzioni di amichevole compositore nelle vertenze che potessero insorgere tra l’Associazione e i soci e di organo di appello contro le delibere di esclusione.

Possono partecipare, su invito del Presidente, ai lavori del Consiglio.

 

PATRIMONIO E ESERCIZI FINANZIARI

23) Il patrimonio dell’Associazione è costituito dai proventi delle quote associative nonché dalle erogazioni fatte a qualunque titolo a favore dell’Associazione. E’ esclusa ogni possibilità di distribuire avanzi di gestione, fondi o riserve.

24) L’esercizio sociale finanziario decorre dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

 

SCIOGLIMENTO

25) Lo scioglimento dell’Associazione può essere deliberato in qualsiasi momento, a mezzo convocazione di apposita Assemblea, con la partecipazione al voto di almeno un terzo degli Associati e con la maggioranza deI quattro quinti dei voti. In tal caso l’Assemblea potrà nominare uno o più liquidatori.

26)  In caso di scioglimento dell’Associazione per qualunque causa la stessa ha l’obbligo di devolvere il suo patrimonio ad altra Associazione con fini analoghi o ai fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla Legge; L’Assemblea darà indicazioni di massima al o ai liquidatori in merito sopra.

27)  Per quanto non previsto dal presente Statuto si applica la normativa vigente in materia, in particolare l’art. 148 del TUIR e succ. modd.

 

 

 

Allegati:
Scarica questo file (statuto aused 2012.pdf)statuto aused 2012.pdf[Statuto - versione PDF - Approvato nell'Assemblea del 28-2-2012]65 kB

Agenda AUSED

Scopri i GdL e Osservatori AUSED

Segnalato da AUSED

Gruppo AUSED FARMA online

AUSED ti invita a frequentare il Gruppo FARMA di AUSED su Linkedin. Per partecipare è richiesta l'iscrizione, in quando si tratta di un Gruppo Chiuso riservato a chi opera in ambito informatico nel settore Farmaceutico.
Vieni a trovarci!

Gruppo AUSED GUPS online

AUSED ti invita a frequentare il Gruppo GUPS di AUSED su Linkedin. Per partecipare è richiesta l'iscrizione, in quando si tratta di un Gruppo Chiuso riservato a utilizziatori e prospect delle soluzioni SAP.
Vieni a trovarci!

Appuntamento Online!

AUSED ti invita a frequentare il Gruppo generale AUSED su Linkedin: siamo già oltre 300!

Vieni a trovarci!

Telefono Amico AUSED

 

Partner AUSED

S5 Box

CB Login

Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.